I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

La roggia Plurwaal a Tubre in Val Monastero

Tubre
facile
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour La roggia Plurwaal a Tubre in Val Monastero

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    1:15 h
  • Distanza
    4.4km
  • Dislivello
    50 m
  • Dislivello
    50 m
  • Altitudine Max
    1266 m
Sentiero della roggia vario sui pendii della Val Monastero; attraverso prati, boschi di larici, cespugli e ripidi pendii rocciosi.

Itinerario

Dal margine orientale di Tubre in Val Monastero (1232 m, parcheggio pubblico e la Chiesa di San Giovanni ) seguire le indicazioni "S. Michele" in direzione nord su un ampio sentiero in pochi minuti fino all'incrocio direttamente sotto la chiesa parrocchiale (1258 m, la Cappella S. Michele con cimitero è particolarmente interessante dal punto di vista artistico) e ora sul sentiero escursionistico inizialmente più largo e poi più stretto della roggia (sempre segnavia 8) quasi completamente piano a nord-est fino all'incrocio dello stretto sentiero della roggia in un sentiero più largo (1240 m); da Tubre circa. Ore 0.45 -

Ritorno: O lungo il sentiero della roggia descritto o lungo la strada a destra, prima brevemente in discesa con alcune curve, poi lungo un piccolo corridoio stradale asfaltato attraverso i pendii in direzione di Tubre e infine lungo la strada principale per il ritorno al punto di partenza.

Inizio dell'itinerario

Tubre in Val Monastero

Arrivo dell'itinerario

Tubre in Val Monastero

Parcheggio

Possibilitá di parcheggio sul margine orientale della Val Monastero

Trasporto pubblico

Collegamento ferroviario fino a Sluderno, poi in autobus fino a Tubre in Val Monastero

Arrivo

Dalla Val Venosta in Val Monastero

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Raimund Kompatscher

Alloggi consigliati nelle vicinanze del tour

Tab per le foto e le valutazioni

Dove dormire

Natura

Cultura