I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Giro delle Cascate della Val Genova

Giudicarie
medio
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Giro delle Cascate della Val Genova

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    5:00 h
  • Distanza
    19.9km
  • Dislivello
    960 m
  • Dislivello
    960 m
  • Altitudine Max
    1594 m
Una spettacolare gita alle famose cascate della Val di Genova, privilegiando il tratto più in alto e meno conosciuto, anche per evitare la zona più trafficata (anche se ogni anno la situazione è sempre più controllata).

Itinerario

Suggeriamo di partire da Ponte Maria – Ponte Rosso dove si può sostare in un parcheggio a pagamento che si trova poco dopo il Rifugio Albergo Fontanabona (1.100 m), dove c’è anche il centro informazioni del Parco Adamello Brenta. Questo punto si trova a circa 8,5 km da Carisolo ma, se si vuole e i ragazzini hanno voglia di camminare, si può lasciare la macchina anche un po’ prima, a 4 km da Carisolo, all’altezza della Cascata di Nardis, la più spettacolare e famosa con i suoi due rami e gli 80 metri di salto, ma anche quella che richiama il maggior numero di turisti e che quindi d’estate è spesso intasata di autovetture. Comunque da questo punto strategico a metà valle si gode un panorama davvero incantevole, con cascate d’acqua grandi e piccole quasi ovunque, e si può risalire verso l’inizio della valle incontrando, lungo il percorso che si fa con tranquillità in circa 1 ora e 30 min., la suggestiva Lares, la nascosta ma affascinante Folgorida (che si raggiunge lungo breve sentiero che parte dalla chiesetta di Ragada), e più in alto l’imponente Pedruc che si supera con un suggestivo sentiero di passerelle. Quest’ultima cascata rivela tutta la sua potenza, creando giochi di luce ricchi dei colori dell’arcobaleno. Dopo 8,5 km si raggiunge Malga Bedole (1.584 m) e più avanti, con un ultimo balzo, si arriva al Rifugio Bedole (1.641 m), porta d’accesso al ghiacciaio del Mandrone. L’itinerario è agevole e ben tracciato e si snoda in una delle zone più protette del Trentino. In alcuni periodi dell’estate, il Parco Adamello-Brenta propone ai bambini, in località Ponte Maria – Ponte Rosso, la possibilità di arrampicare e fare traversate su ponti tibetani, in collaborazione con le guide alpine di Madonna di Campiglio (per info: 0465-507700). Una curiosità: ovunque, sulle fontanelle, c’è scritto che l’acqua non è potabile ma, a quanto ci è stato riferito, il problema è più burocratico che sanitario: perché una fonte debba essere dichiarata di acqua potabile, deve avere determinati requisiti, come la costruzione di vasche e muretti. Comunque: noi e i bambini abbiamo bevuto l’acqua delle fontane e non abbiamo avuto alcun problema. Ma questa è solo un’indicazione prettamente personale… Il rientro si può fare a piedi o con uno dei pullmini navetta che nella stagione estiva percorrono a intervalli regolari la strada.

Inizio dell'itinerario

Ponte Maria (secondo gli ultimi dati, con pagamento di un ticket di 4 euro, ma va verificato in loco)

Arrivo dell'itinerario

Malga Bedole

Parcheggio

Trasporto pubblico

Arrivo

Carisolo

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Trekking con i bambini. 28 itinerari per i più piccoli tra le montagne del Trentino

Tab per le foto e le valutazioni