I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Escursionismo

Arrampicata

Bici

Inverno

Passeggiare

Corsa

Natura

Cultura

Alloggi

Mangiare & Bere

Shopping

Wellness & SPA

Guida escursionistica

Utilità

Pagina precedente
ritorna

Da San Cassiano alla malga Valparola

Badia Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Da San Cassiano alla malga Valparola

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    2:30 h
  • Distanza
    8.6km
  • Dislivello
    200 m
  • Dislivello
    200 m
  • Altitudine Max
    1739 m
Questa facile ascesa al Munt de Valparola (M.ga di Valparola) porta l’escursionista a un luogo storicamente importante. Perfino i microtoponimi di questa zona sono testimoni della storia e della lingua ladine.

Itinerario


Da San Cassiano si cammina lungo il sentiero N. 11 in direzione est fino alla frazione di Armentarola. Alla fermata del bus si svol- ta a destra sul sentiero N. 18, che porta al Munt de Valparola lungo i pascoli “Pra da Costa“. Ritorno sul percorso d’andata.

Inizio dell'itinerario

San Cassiano

Arrivo dell'itinerario

San Cassiano

Specificazione

Dal XIV al XVI secolo nelle vicinanze della Valparola, dalle miniere del Furcil presso Colle Santa Lucia, si estraeva minerale di ferro che alimentava i numerosi forni fusori della zona. Anche in altri ambiti della Val Badia si sono trovate prove della presenza di luoghi di lavorazione del minerale di ferro. Probabilmente in Valparola c’era abbastanza legname per alimentarne l’energivoro processo di fusione. Ora sono rimasti solo i toponimi a testimoniare la passata attività metallugica. Così ad esempio il “Munt de Valparola“ in tedesco si chiama “Eisenöfen-Alm“, ovvero “malga dei forni del ferro“; analogamente, il ladino “Rü de Col dai Furns“ significa “colle dei forni fusori“. In genere ancor oggi molti nomi forniscono elementi sulla cultura ladina. A ragione le genti di lingua ladina della Val Gardena e della Val Badia, discendenti dell’antica popolazione romanizzata che abitava in questo territorio, sono considerate il gruppo etnico-linguistico più antico dell’Alto Adige. Molti microtoponimi di Comuni altoatesini attualmente di lingua tedesca testimoniano una precoce colonizzazione retoromanza. Antiche tracce di tale colonizzazione, risalente a tempi remoti, si trovano in tutto l’arco alpino. Nel corso del tempo, ma soprattutto durante il Medioevo, la popolazione retoromanza è stata in gran parte costretta a cedere ad altre popolazioni ampie parti del territorio altoate- sino, riuscendo a mantenere viva la propria lingua e cultura solo nelle valli alpine più remote, come ad esempio qui in Val Badia.

Parcheggio

Parcheggi presso San Cassiano

Trasporto pubblico

Con il treno fino a San Lorenzo e con l'autobus fino a San Cassiano.

Arrivo

Percorrere la val Badia fino a Pedraces e deviare per San Cassiano.

Valutazione dell'itinerario

Condizione
Tecnica
Avventura
Paesaggio

Alloggi consigliati

Tab per le foto e le valutazioni

Shopping

Cultura

Altrui

Alla Homepage