I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
ritorna

Brentei, Corona di Roccia

Giudicarie
medio
Aggiungi alla lista dei preferiti

Informationen zur Tour Brentei, Corona di Roccia

Tour Hauptmerkmale

  • Durata
    4:30 h
  • Distanza
    10.2km
  • Dislivello
    650 m
  • Dislivello
    650 m
  • Altitudine Max
    2174 m
Gita tipicamente estiva, da fare con previsioni di bel tempo e con bambini dai 4 anni in su. Si articola in due tappe (fino al Rifugio Casinei e più su fino ai Brentei) ma anche fermarsi alla prima sosta è già una bella camminata. L’ambiente è d’alta montagna, tra gallerie nella roccia, chiazze di neve e stelle alpine.

Itinerario

La gita descritta parte dalla località Vallesinella a 1.514 m che si può raggiungere in automobile (in estate bisogna partire presto perché ad un certo punto il parcheggio è saturo). Dal Rifugio Vallesinella conviene salire lungo il sentiero n° 317 che, dopo aver attraversato su di un ponte di legno il torrente Brenta, entra nella foresta salendo a sinistra e poi inerpicandosi con una serie di tornanti, raggiunge in circa un’ora e 15 minuti il rifugio Casinei (1.825 m). Quest’ultimo può essere raggiunto anche da un bel sentiero che parte direttamente da Madonna di Campiglio (1.550 m): in questo caso il dislivello è maggiore di circa 100 m e la strada da percorrere è più lunga di circa 5 km. Si tratta del sentiero n° 376 (dell’orso) che parte poco dopo la casa del Coni e corre parallelo, ma più alto, alla strada che porterebbe a Vallesinella. In questo caso tutta la gita si allunga di circa due ore (tra andata e ritorno). Dal Rifugio Casinei il terreno è molto più “avventuroso”, tra speroni di roccia e passaggi da canyon. Da qui si sale per il segnavia n° 318 costeggiando il versante ovest del Fridolin. Dopo un primo tratto ripido, il sentiero è meno impegnativo e si cammina tra i mughi. Dopo circa 30 min. si giunge ad un tratto pianeggiate, ove vi è l’incrocio con il segnavia n° 322, che proviene dalla Sella. Proseguiamo per entrare in breve in un ambiente ove la roccia la fa da padrona lasciando poco spazio al verde dell’erba. Siamo proprio nel cuore del Brenta. Superiamo una piccola galleria e con una serie di saliscendi e di spettacolari passaggi con una leggera esposizione, ma attrezzati con corde fisse, in circa un’ora e 30 minuti arriviamo ai 2.182 m del Rifugio Alberto e Maria ai Brentei. Nel corso dell’avvicinamento avremo modo di spaziare con lo sguardo e davanti a noi vedere delinearsi in modo sempre più netto l’originale forma del Crozzon di Brenta e la bellezza del ripidissimo Canalone Neri, la lingua di neve che sale sulla sua sinistra e porta ai 3.173 m della Cima Tosa, la più alta del Gruppo di Brenta, sempre innevata. Rivolgendo lo sguardo verso est si vede la Bocca di Brenta, con a destra la Brenta Alta ed a sinistra la Brenta Bassa. Alla sinistra della Brenta Alta si può notare la forma del Campanil Basso, l’ardito monolito simbolo del Brenta. Arrivare al Rifugio fa sentire di essere proprio in alta montagna. La discesa, che va fatta con attenzione, si effettua lungo lo stesso itinerario e viene conclusa in circa due ore. Se siete partiti a piedi da Campiglio, si può accorciare il rientro utilizzando un servizio bus che da Vallesinella porta a Madonna di Campiglio.

Inizio dell'itinerario

Parcheggio di loc. Vallesinella

Arrivo dell'itinerario

Rifugio Brentei

Parcheggio

Parcheggio di loc. Vallesinella

Trasporto pubblico

Arrivo

Madonna di Campiglio

Valutazione dell'itinerario

  • Condizione

  • Tecnica

  • Avventura

  • Paesaggio

Copyright

Trekking con i bambini. 28 itinerari per i più piccoli tra le montagne del Trentino

Tab per le foto e le valutazioni