I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Andriano

Piccolo, ma delizioso

Nel mezzo di una vallata quasi del tutto piana si innalza un piccolo colle verde, su cui si erge il paese di Andriano. Alle sue spalle il monte Macaion, di fronte, dall’altra parte della valle, il paese del vino di Terlano. Pare che i Romani fossero i primi abitanti di questa zona e probabilmente furono essi a dare il nome a questo noto paese della Val d’Adige.

Andriano è oggi uno dei più piccoli comuni indipendenti dell’Alto Adige, ma non è sempre stato così. Nel 1928 Andriano fu annesso da Vittorio Emanuele III nel comune di Nalles. Solo nel 1953 Andriano divenne autonomo. La prima importanza storica di questo paese risale ai tempi dei Romani. A quell’epoca l’Adige era ancora navigabile e il paese ebbe un’importanza non trascurabile come piccolo porto.

Come paese del vino e delle mele, Andriano oggi è ben noto dal punto di vista agricolo e turistico. Il paese ebbe una particolare importanza nel 1893, quando vi fu fondata la prima cantina sociale dell’Alto Adige. Durante le settimane del vino in festa, le "Südtiroler Weinstrassen Wochen-vino in festa", ogni estate vengono organizzati degli eventi interessanti in luoghi straordinari, per permettere ai visitatori di conoscere meglio il socievole mondo del vino altoatesino.

La Chiesa Parrocchiale di San Valentino è nota soprattutto per il suo trittico neogotico del 1904.  Il castello Wolfsthurn del tredicesimo secolo dei conti di Andriano, è forse il monumento profano medievale più conosciuto di Andriano. Una vista meritano anche lo „Sternbauer“, un maso perfettamente ristrutturato con dei bellissimi affreschi esterni e la trattoria “Schwarzer Adler”, che nel lontano 1599 fungeva ancora da sede nobiliare.

Andriano è un luogo ideale per gli amanti della natura. Circondato da molte zone escursionistiche e laghi balneabili, questo paese della  Val d’Adige, dalla primavera all’autunno, è una meta turistica per gli ospiti che amano le attività all’aria aperta e per i buongustai. Ogni anno, il primo maggio viene organizzata una „pedalata del popolo“ che offre l’occasione di muoversi in bicicletta tra le piantagioni di frutta e i vitigni nei dintorni di Andriano. Dal punto di vista culinario si inizia già in primavera, attorno a Pasqua, con le pietanze a base di asparagi e le famose „settimane dell’aglio orsino“. Nella calda estate, in occasione della „festa dello strudel“, si possono degustare le innumerevoli varianti di questo dolce. In autunno, invece, la zona attira i buongustai con le diverse prelibatezze a base di castagne. Dalle caldarroste ai raffinati cuori di castagna, qui si offre una passeggiata del gusto nel mondo della castagne.

Andriano si trova, data la posizione un po’ elevata sul lato destro della Val d’Adige, lontano dal grande passaggio di automobili e dal rumore del traffico. Nonostante questo si trova  in una posizione ottimale e centrale, e il capoluogo di provincia Bolzano e la città termale di Merano sono raggiungibili in pochi minuti. 

Alla Homepage